Alle radici dei Fontana
Il cognome “Fontana” Nell’anno   2000   erano   quasi   20.000   le   famiglie   Fontana   abbonate   al   telefono   in   Italia.   Erano 1021   in   provincia   di   Vicenza,   solo   226   in   provincia   di   Treviso.   Secondo   il   Caffarelli   questo cognome   occupa   il   22°   posto   per   frequenza   in   campo   nazionale.   E’   diffuso   soprattutto   al Nord; nel Veneto occupa il 30° posto. Cucchus  e  De Fontana E’    il    1°    gennaio    1622.    Nella    parrocchia    di    Corbanese    viene    battezzata    una    Fontana, Giacoma,   figlia   di   Giovanni   che   abita   a   Somera.   Padrino   è   un   altro   Fontana.   Si   chiama Giovanni   Pietro   ed   è   di   Formeniga.   Il   rettore   della   parrocchia,   che   stende   l’atto   di   battesimo in   latino,   per   distinguere   i   due   Fontana   identifica   Giovanni   col   soprannome      Cucchus   e Giovanni Pietro col cognome “De Fontana” (doc. 1). 1622. Die prima Ianuarii Iacoba   filia   Joannis   Cucchi      incolae   Somerae   (et)   eius   uxoris   fuit   baptizata   in   ecclesia   Corb. Per me rectorem. Patrinus fuit Jo. Petrus de Fontana de villa Formenicae. Il   soprannome   Cuc    ( Cuch ,   Cuco ,   “Cucchus”   negli   atti   scritti   in   latino)   nei   secoli   scorsi   veniva dato   abitualmente   al   marito   che   era   costretto   a   ‘ndar   cuc ,   cioè   ad   abitare   nella   casa   dei genitori   della   sposa.   Esiste   nella   parlata   locale   anche   l’espressione   “laoràr   pai   cuc”,   attribuita al padre che avendo, suo malgrado ,  solo figlie, “lavora per i generi!”. Origine del cognome Fontana Il   toponimo   dialettale   Fontana   (dim.   fontanèl,   fontanèla)   indicava   in   passato   la   presenza   in loco   di   una      sorgente.   L’espressione   de   Fontana ,   destinata   poi   a   diventare   il   cognome   Fontana,   identificava   quindi,   nei   documenti   in   latino   del   tardo   medioevo,   una   famiglia   che abitava nei pressi di una sorgente o risorgiva conosciuta e frequentata. Nella   zona   a   sud-ovest   di   Tarzo   il   cognome   Fontana   appare   già   in   diversi   atti   del   1600. Michelon   e   Tomasi,   nella   loro   recente   opera   “Gente   di   Tarzo”,   citano   un   Zuane   di   Menego Fontana nato ad Arfanta nel 1692 e sposatosi, sempre ad Arfanta, nel 1717. Ma   il   citato   documento   del   1622   fa   supporre   che   il   cognome   fosse   più   antico   e   risalisse quindi    al        secolo    o    ai    secoli    precedenti,    tanto    è    vero    che    la    presenza    in    quell’anno dell’appellativo   Cuc   dimostra   come   già   da   tempo   era   sorto   un   soprannome   per   distinguere   un colmello dei Fontana che  si era staccato dal ceppo principale. Per   la   cronaca,   in   documenti   del   1800   si   troverà   anche,   per   altri   Fontana   che   esercitavano   il mestiere di mugnai, il soprannome di  Borca . Origini dei Fontana Si   è   appena   detto   che   già   nel   Cinque   -   Seicento   i   Fontana   sono   presenti   in   tutto   il   territorio      a sud-ovest   di   Tarzo,   pecisamente      nelle   località      Arfanta,   Somera,   Formeniga   e,      soprattutto, Corbanese. Anche   i   nostri   Fontana   Cuc   figurano   spesso   a   Corbanese.   L’impressione,   però,   è   che   essi fossero particolarmente numerosi ad Arfanta. Arfanta   divenne   parrocchia   nel   sec.   XV,   ma   nel   1672   fu   ridotta   a   comparrocchiale   o   curazia di   Corbanese   fino   al   1947   quando   ritornò   parrocchia   indipendente.   Molti   Cuc,   quindi,   pur essendo di Arfanta, venivano registrati nella parrocchia  di Corbanese. Vengono   portati   come   esempi   di   Fontana   sparsi   nella   zona   Arfanta-Formeniga   i   doc.   2,   3,   4, 5. Il    23    novembre    1665    si    sposa    a    Corbanese    Domenico    figlio    di    Matteo    Fontana    della parrocchia di Formeniga . …nullo    impedimento    detecto,    ego    Antonio    Gironcolo    rector    Dominicum    filium    Matthei Fontana   de   parochia   Formenicae   et   Maria   filia   Petri   Zorgni   de   Corbanesio   interrogavi   eosque mutuo abito consensu solemniter per verba de presenti matrimonio coniunxi…. Il   26   settembre   1689   si   risposa   Domenico   del   fu   Matteo   Fontana.   Il   parroco   annota   che abitava un tempo nella parrocchia di Ceneda  ed ora appartiene a questa di Corbanese. …contractum   fuit   matrimonium   per   verba   de   presenti   inter   Dominicum   filium   quondam   Mathei Fontana olim de cura Cenetae nunc de hac parochia et Justina filia quondam Dominici… Il   14   febbraio   1692   Maria,   figlia   di   Antonio   Fontana,   sposa   Antonio   Dal   Col.   Il   parroco specifica   che   Maria   (e   quindi   anche   i   suoi   familiari)   apparteneva   un   tempo   alla   parrocchia   di Formeniga  ed ora abita invece in quella di Corbanese. Contractum   fuit   matrimonium      per   verba   de   presenti   inter   Antonium…   filium   Georgi   Dal   Col      .     et Maria filia quondam Antonii Fontana olim de Formenica nunc huius parochiae…. Il   22      febbraio   1722   viene   battezzato   Domenico   figlio   di   Mattio   Fontana   detto   Cuco   e   di   Maria sua   moglie.   Padrino   è   Giambattista   del   fu   Donà   Moschet.   Il   parroco   di   Corbanese   Mattio Rosolen   specifica   (sono   pochissimi   a   farlo)   che   Mattio   Fontana   è   di   Arfanta    (compresa   in quel periodo, lo ricordiamo ancora, nella parrocchia di Corbanese). Domenico   figlio   di   Mattio   Fontana   dicto   Cuco   della   mia   cura   d’Arfanta   nato   in   circa   la   meza notte    et    di    Maria    sua    moglie    fu    battizato    da    me    Mattia    Rosolen    parroco    et    tenuto    da Zambattista quondam Donà Moschet. Limiti della ricerca Noi   seguiremo,   ovviamente,   solo   l’albero   genealogico   dei   Fontana   Cuc   di   Solighetto,   dove   un ramo   dei   Fontana   Cuc   di   Arfanta   si   stabilì   a   fine   Settecento   facendo,   a   quanto   pare,   un   po’   di fortuna. I   registri   parrocchiali   di   Pieve   dal   1800   al   1855   e   quelli   di   Solighetto,   divenuta   parrocchia,   dal 1856    a    tutto    il    Novecento,    consentono    una    ricostruzione    dei    Fontana    Cuc    abbastanza regolare,   anche   se   si   corre   il   rischio   di   fare   confusione   con   altri   Fontana,   abitanti   nella parrocchia di Pieve, che non hanno ascendenti comuni con i nostri. Molto più difficile è risalire ai secoli precedenti. Non disponiamo dei registri di Arfanta, quando era parrocchia prima del 1672. I   registri   di   Corbanese   partono   dal   1600   circa,   ma   si   presentano   lacunosi   o   generici.   Spesso, ad   esempio,   soprattutto   per   le   donne,   l’estensore   trascura   il   cognome   o   la   paternità   o   l’età anagrafica.  Si   aggiunga   il   fatto   che   tra   il   1600   ed   il   1800   i   Fontana   Cuc   scompaiono   più   volte,   forse andando ad abitare temporaneamente altrove, per poi ricomparire dopo qualche decennio. I risultati della ricerca sono quindi soddisfacenti, ma incompleti. Soddisfacenti,  perché si è riusciti a ricostruire un albero genealogico di 11 generazioni. Questo   è   stato   consentito   incrociando   i   dati   disponibili   dei   battesimi,   matrimoni   e   morti; tenendo   presente   l’usanza   anche   dei   Fontana   di   tramandare   talvolta   il   nome   del   nonno   ad   un nipote;    seguendo    il    soprannome    Cuc     spesso    riportato    dal    parroco    accanto    al    cognome Fontana. Soddisfacenti,      perché   si   hanno   ottime   probabilità   di   aver   individuato   perfino   il   luogo   di residenza degli antichi Fontana, da cui si è staccato il ramo dei Fontana Cuc. Incompleti,      perché   la   genealogia   è   delineata   solo   nelle   linee   essenziali.   Infatti   sono   stati trascurati    od    omessi    dei    “rami”    laterali    che    i    dati    non    consentivano    di    ricostruire completamente. Paulin, il patriarca. Come   sempre   accade   nella   genealogia   di   un   casato,   non   si   può   che   partire,   risalendo   a ritroso la storia della famiglia, dal primo antenato di cui i documenti fanno menzione. Nel   nostro   caso   il   “patriarca”   è   Paulo ,   un   nome   che   ricorrerà   in   molti   discendenti   ed   era   forse consuetudinario anche nei suoi ascendenti. Paulo   doveva   essere   molto   basso   di   statura,   poiché   appare   negli   atti   quasi   sempre   col diminutivo di Paulin . Di   lui   sappiamo   ben   poco;   sappiamo   anzi   solo   che   è   molto   longevo,   date   le   aspettative   di   vita di   allora.   Muore,   scrive   il   parroco   Rosolen,   nel   1730   all’età   di   83   anni   circa;   era   quindi   nato, anno più anno meno, nel 1647  (documento 6). Forse    era    una    persona    pia,    poiché    il    parroco    specifica    che    fu    sepolto    nel    cimitero    di Corbanese    con    l’intervento    suo    e    di    altri    religiosi ,    annotazione    questa    che    raramente compare in altri atti registrati da questo parroco. Addì   9   settembre   1730.   Paulino   Fontana   d’anni   83   in   circa   ricevuti   li   santissimi   sacramenti della   chiesa   passò   da   questa   ad   altra   vita,   et   il   suo   cadavere   fu   sepolto   in   questo   cimiterio con l’intervento di me Mattio Rosolen parroco et altri religiosi. Nel   1684   da   Paulin   nasce   Antonio   che   il   26   aprile   1706   sposa   una   ragazza   della   stessa   età, Giacoma doc. 7). Contractum   fuit   matrimonium   …   inter   Antonium   filium   Paulini   de   Fontana   de   hac   parochia   et Jacoba filia Valentini de Dominichino de plebe antedicta nunc incola Corbanesii Ma   Giacoma   è   sfortunata   e   muore   all’età   di   soli   26   anni,   dopo   4   anni   di   matrimonio,   nella parrocchia di Corbanese.  Antonio   attende   tre   anni   e   poi   si   risposa   con   Maria.   E’   questo   un   matrimonio   fertile   con almeno   sei   figli.   Il   quartogenito,   Paulino,   darà   vita   ad   un   ramo   piuttosto   consistente.   Ma   è l’ultimogenito   Mattio,   nato   intorno   al   1725   e   sposato   nel   1748   con   Elisabetta   Vanzella,   ad avere una discendenza che si è perpetuata fino a noi. I Fontana Cuc a Solighetto E’   nel   tardo   Settecento,   intorno   al   1790,   che   alcuni   Cuc   di   Arfanta,   villici,   si   trasferiscono   a Solighetto,  molto probabilmente fittavoli dei Conti Brandolini. Si   tratta   dei   (o   di   alcuni)   figli   proprio   di   Mattio   (o   Matteo)   che   moriranno   tutti   nella   parrocchia di   Pieve   di   Soligo   (Solighetto   non   era   ancora   parrocchia):   Giovanni   nel   1806,   Giovanna Angela nel 1809 (o 1804), Vincenzo nel 1813 e Giuseppe nel 1814. Sarà   proprio   quest’ultimo,   Giuseppe,   nato   ad   Arfanta   intorno   al   1750   e   marito   di   Margherita Gallon, detta Bastianuz, ad avviare una lunga discendenza a Solighetto. Egli   giunge   a   Solighetto   portando   con   sé   almeno   sei   giovani   figli,   tutti   nati   ad   Arfanta.   Quattro di     questi     (Domenico,     Giobatta,     Matteo,     Valentino)     si     sposeranno     a     Solighetto     ed incrementeranno la presenza dei Fontana Cuc in questo paese. Altri Cuc a Corbanese Alcuni Cuc, imparentati con i nostri di Solighetto, restano nella zona di Corbanese e dintorni. A quanto pare, dagli atti, non sono numerosi. Alcuni    appartengono    senz’altro    al    colmello    discendente    da    Fontana    Cuc        Pietro    del    fu Sebastiano.   Poiché   Sebastiano,   marito   di   Maria   Perencin,   non   compare   negli   atti   di   nascita   e di   morte   di   Corbanese,   è   probabile   che   anche   questi   Cuc   provenissero   da   Arfanta   o   da Formeniga. Sebastiano è figlio o, forse, nipote del menzionato Giuseppe nato nel 1750 c.a. Pietro   sposa   nel   1829   Angela   Bottega   detta   Miot   da   cui   avrà   i   figli:   Sebastiano    1832,   Angelo   1836, Anna Maria 1839, Giuseppe 1842, Maria 1844. Il   figlio   Sebastiano   sposerà   nel   1860   Giovanna   Tardivel   da   cui   avrà   i   figli   Pietro   Paolo   1862, Angelo   1864,   Cattarina   1868,   Angela   1867,   Angela   1868,   Giovanni   1870,   Andrea   1872, Francesco Giuseppe 1875. Un   altro   figlio   di   Pietro,   Angelo,   sposerà   nel   1872   Maria   Luigia   Collodel   da   cui   avrà   i   figli: Giovanna 1872, Giuseppe 1874, Pietro 1876 e Luigi 1878. Citeremo fra poco altri Cuc rimasti a Corbanese. Perché alcuni Cuc si trasferiscono a Solighetto? I Cuc sono, come si è detto, “villici”, cioè contadini. Non    dovremmo    essere    lontani    dal    vero    affermando    che    essi    accettano    o    chiedono    di trasferirsi a Solighetto di fronte allo spettro della fame. E’   la   fine   che   fanno   diversi   Cuc   rimasti   in   quel   di   Corbanese,   qualche   anno   dopo   che   i   nostri erano partiti per Solighetto. Solo   per   citare   un   anno,   il   1817,   caratterizzato   da   gravissima   penuria   di   viveri   e   dal   tifo,   ben quattro Cuc muoiono di fame a Corbanese: Giuseppe   a   6   anni   per   “consunzione   da   inedia”,   Augusta   a   10   anni   per   “consunzione”,   Maria Maddalena a 5 anni per “inedia” e Catarina a 56 anni per “pellagra ed idropisia”. Una   conferma   indiretta   della   tragica   situazione   socioeconomica   in   quel   periodo   ci   viene   dal registro   dei   morti,   con   un   notevole   incremento   dei   decessi.   Molti   di   questi   sono   pargoletti   o bambini   “adottati”   dalle   famiglie   contadine.   Si   tratta   di   trovatelli   che   portano   il   cognome   di   Del Pio Luogo  o Della Pietà  o Del Pio Ospitale  (di Treviso o di Venezia). Come   ci   ha   illustrato   il   celebre   film   “L’albero   degli   zoccoli”   questi   trovatelli   venivano   adottati volentieri   sia   perché   nel   mondo   contadino   c’era   bisogno   di   braccia,   sia   perché   al   momento dell’adozione   e   per   qualche   anno   il   Pio   Istituto   consegnava   talvolta   alla   famiglia   affidataria anche   una   piccola   somma   di   denaro   per   il   sostentamento   del   neonato.   Nella   condizione   di precarietà   assoluta   questo   esiguo   contributo   poteva   costituire   un   aiuto   indispensabile   per   la sopravvivenza momentanea di tutta la famiglia. Non   è   escluso   che    anche   i   Fontana   Cuc   di   Solighetto,   quand’erano   a   Corbanese,   si   siano accostati   più   volte   a   questo   tipo   di   adozione.   Quelli   rimasti   a   Corbanese   lo   fecero   senz’altro più volte, come appare da qualche atto di morte di cui riportiamo tre esempi: 6.9.1805.   Gregorio   del   Pio   ospedale   di   Venezia,   consegnato   a   Maria   moglie   legittima   di Matteo Fontana detto Cuc di questa villa, rese l’anima al cielo per male naturale… 16.9.1811.   Veneranda   del   Pio   Ospedale   di   Venezia   di   mesi   otto,   tenuta   da   Matteo   del   fu Antonio Fontana detto Cuc, passò a miglior vita… 1.8.1815.   Pierina   Della   Pietà   di   Venezia,   affidata   a   Maria   moglie   di   Matteo   Fontana   detto Cuc, di anni due… Domenico “girovago del mondo” A   Davide,   classe   1919,   era   stato   tramandato   che   i   Fontana   potevano   essere   giunti   qui provenendo da lontano. Qualche piccolo elemento può fornire un’interpretazione in proposito. Giustina   Cuc   1864   aveva   sposato   un   Lazzaris   di   Forno   di   Zoldo   che   per   tre   anni   aveva dimorato   a   Hunter   Hostern,   “diocesi   di   Darmanstar,   in   Prussia”   (dovrebbe   essere   l’attuale città di Darmstadt, poco  a sud di Francoforte). Marco Antonio Cuc aveva sposato nel 1898 Albina Pasin, che era nata a Strau in Austria. Forse   i   Fontana   avevano   avuto   a   che   fare   direttamente   o   indirettamente   col   fenomeno migratorio. C’è   poi   un   particolare   interessante.   Di   Domenico   Cuc   1775   c.   l’arciprete   di   Pieve,   di   solito parco   nelle   annotazioni,   segnala   in   un   atto   anagrafico   che   egli   “va   girovago   pel   mondo”.   Se   il sacerdote lo annota, vuol dire che il fatto faceva “notizia”. A   parte   il   concetto   di   lontananza,   molto   relativo   nei   tempi   andati,   tutto   questo   potrebbe   aver alimentato   l’impressione,   poi   tramandata,   che   nei   secoli   scorsi   i   Fontana   in   generale   fossero giunti “da lontano” e non dalla zona di Arfanta, come si è visto. Altri Fontana a Solighetto nel tardo Ottocento Anche    nei    registri    parrocchiali    di    Solighetto    i    nostri    Fontana    sono    denominati    Cuc, soprannome   che   conservano,   in   molti   atti   ufficiali,   fino   a   metà   del   Novecento   per   essere distinti dagli altri Fontana, non originari della parrocchia di Corbanese. Nel   territorio   di   Pieve,   infatti,   esistevano   ed   erano   esistite   almeno   dal   1600   altre   famiglie Fontana. Ecco,   ad   es.,   alcuni   Fontana   che   compaiono   nei   registri   della   parrocchia   di   Pieve   (di   cui Solighetto faceva parte) nei secoli XVI-XVIII.  Non    sono    quasi    certamente    Fontana    Cuch    ma    li    registriamo    ugualmente    per    scrupolo: Pasqua   di   Pietro,   nata   nel   1576.   Carlo   di   Domenico   e   di   Giovanna,   nato   nel   1631.   Gabriele     (1772), Giobatta (1774) e Gertrude (1776) di Giacomo e Catterina Viezzer (?). Un   altro   colmello   dei   Fontana   viene   a   Solighetto   da   Arfanta   intorno   al   1880.   Si   tratta   di Fontana   Giovanni   Marco ,   nato   ad   Arfanta   nel   1857,   fu   Francesco   e   fu   Regina   De   Luca   detta Luchet.   Ex   militare,   figura   domiciliato   a   Solighetto   quando   nel   1893   sposa   Luigia   Ciotta   detta Cadorin nata a Refrontolo nel 1868. Fontana Giovanni Marco viene a Solighetto con diversi fratelli: Giacomo muore a Solighetto nel 1918. Stefano muore celibe a 50 anni la notte di Pasqua del 1908. Catterina muore a 43 anni nel 1901: aveva sposato Luigi Bottega Miottin di Solighetto. Fontana Giovanni Marco e Ciotta Luigia hanno molti figli, tutti nati a Solighetto. Regina   muore   a   26   giorni   nel   1896.   Regina   Maria,   nata   nel   1899,   sposa   Meneguz   Giovanni nato   ad   Arfanta   nel   1887.   Angela   muore   a   12   giorni   nel   1897.   Altri   figli   sono:   Maria   Amabile nata nel 1894, Francesco nato nel 1902, Virginia nel 1904, Brigido nel 1906 e Rosa nel 1909. Questo   Fontana   Giovanni   Marco    potrebbe   essere   imparentato   con   i   nostri   Fontana   Cuch, andando indietro di due secoli. Il suo è comunque un ramo a parte rispetto ai nostri. A   Solighetto,   a   fine   Ottocento,   c’è   anche   un   altro   colmello      Fontana.   Era   giunto   a   Solighetto da   Belluno   con   Fontana   Antonio   nel   1888.   Antonio   era   nato   a   Belluno   nel   1858   e,   appunto nel   1888,   aveva   sposato   a   Solighetto   Padoin   Angela   nata   a   Solighetto   nel   1865.   Non   vi   è relazione di parentela fra questo Fontana Antonio e i nostri Fontana Cuc. Da villici ad artigiani La   condizione   dei   Fontana   di   Solighetto   nel   primo   Ottocento   è   quella   di   “villici”.      A   fine Ottocento   essi   risultano   “proprietari”   di   una   casa   (il   che   non   è   poco,   per   quei   tempi)   nella Contrada alta, accanto alla villa Brandolini. Si   trattava   di   una   casa   nuova,   perché   essa   non   figura   esistente   nel   catasto   napoleonico   del 1812.   Tra   l’altro,   in   quel   periodo,      nessun   Fontana   figura   proprietario   di   beni   immobili   a Solighetto. La   casa,   come   si   sa,   sarà   distrutta   dalle   granate   italiane   d’oltre   Piave   nel   1918.   Ricostruita intorno   al   1927,   di   nuovo   incendiata   durante   la   rappresaglia   tedesca   del   1944,   risorgerà   nel secondo dopoguerra. Quindi in poco più di mezzo secolo la condizione dei Fontana cambia notevolmente. Ciò    avviene    grazie    all’incontro    e    alla    collaborazione    con    i    Possamai    intorno    alla    metà dell’Ottocento, collaborazione destinata a durare un secolo. In   questo   periodo   i   Possamai   con   Antonio,   marito   di   Teresa   Dolce,   autore   tra   l’altro   di   due statue   nella   chiesa   di   San   Rocco   di   Conegliano,   sono   tagliapietra   e   provetti   artigiani   del marmo.   Antonio   è   in   cordiali   rapporti   con   lo   scultore   Marco   Casagrande   di   Campea,   appena ritornato   pieno   di   gloria   dall’Ungheria.   Da   Antonio   discenderanno   i   celebri   Paolo   e   Giovanni Possamai. Coetaneo   di   Antonio   è   Davide   Fontana,   nato   a   Solighetto   (parrocchia   di   Pieve   di   Soligo)   l’   8 maggio   1824,   che   gestisce   una   bottega   artigianale   del   legno.   Antonio   e   Davide   sono   amici   e un   po’,   diremmo   oggi,   “soci   in   affari”.   Un   rapporto   che   si   consoliderà   ulteriormente   con   ben due matrimoni. Infatti   Romano   1856,   figlio   di   Davide,   sposa   Marta   Possamai,   figlia   di   Antonio.   E   qualche anno    dopo,    nel    1887,    un’altra    figlia    di    Davide,    Francesca    Luigia    1860,    sposa    Vittorio Possamai, altro figlio di Antonio. Possiamo   immaginare   la   bottega   di   Davide   in   piena   attività   intorno   agli   anni   Settanta-Ottanta dell’Ottocento.   Vi   lavorano   Davide   (che   morirà   nel   1902   a   78   anni),   il   giovane   Romano (anche   lui   longevo,   morirà   nel   1930   a   74   anni),   altri   figli   maschi   di   Davide   e   forse   qualche genero…  I    conti    Brandolini    hanno    bisogno    di    loro,    come    dei    Possamai.    C’è    la    manutenzione    e l’arredamento   della   villa.   C’è   soprattutto   da   decorare   la   nuova   chiesa,   sorta   grazie   alla munificenza del conte Gerolamo Brandolini Rota e consacrata dal vescovo Bellati nel 1858. E   la   chiesa   ha   bisogno   dei   marmi,   delle   statue   e   degli   altari   dei   Possamai,   ma   anche   del   coro e delle suppellettili in legno dei Fontana. E   poi   c’è   da   arredare,   sempre   costruito   dai   Brandolini,   tutto   il   grande   caseggiato   (compresa la canonica), che delimita a sud la piazza…  Mastro    Davide   e   mastro    Romano   avranno   certamente   lavorato   a   pieno   ritmo   conquistando anche    qualche    piccola    momentanea    soddisfazione    economica    che    avrebbe    portato    alla costruzione, come si è detto, della casa in Contrada alta. Attilio ed Emilio A   fine   Ottocento   il   salto   di   qualità   dal   punto   di   vista   economico   e   culturale   è   da   tempo compiuto. Si fatica ancora a sbarcare   il   lunario,   ma   la   via   è   tracciata   ed   i   figli   di   Romano,   Attilio   ed   Emilio,   ed   i   loro discendenti, sono in grado di continuare la tradizione artistica dei Fontana per gran parte del Novecento. Antonio   Lucchetta   ricorda   che   la   contessa   moglie   del   conte   Paolo   Brandolini   era   solita attribuire a Romano il detto: “Quello sa fare le ali a una mosca…”. Dove abitavano gli antichi Fontana? Si   è   tentato   di   individuare   il   toponimo   Fontana    e   quindi   il   luogo   molto   probabile,   se   non   certo, in cui i nostri Fontana abitavano anticamente, cioè nei secoli XVI-XVII. L’unica   fonte   è   costituita   dalle   mappe   napoleoniche   risalenti   al   periodo   intorno   al   1813   che riportano    decine    e    decine    di    toponimi    molti    dei    quali    risalivano    certamente    ai    secoli precedenti. Nel territorio di Tarzo e di Corbanese non risulta alcuna località Fontana. Abbiamo invece ad Arfanta il toponimo Fontana, citato nei Sommarioni (mappali 125 e 126). (Per    inciso,    nei    sommarioni    napoleonici    compare    un    solo    Fontana        proprietario    di    beni immobili, e cioè Fontana Giovanni di Antonio abitante ad Arfanta) Il   foglio   ridotto   del   catasto   napoleonico   di   Arfanta   è   molto   usurato   e   tuttavia   è   possibile riconoscere   l’ubicazione   dei   mappali   125   e   126.   Essi   si   trovano   a   sud-ovest   del   centro   di Arfanta   lungo   la   strada   comunale   detta   Ponti .   Contiguo   al   terreno   in   questione   c’era   una   casa colonica, da cui si diramava una carrareccia che scendeva ad ovest fino alla località Pecol. Riscontri sul posto hanno dato esito positivo. Proprio   nel   luogo   indicato   dalle   mappe   napoleoniche   esiste   ancora   oggi   una   fontana ,   il   luogo quindi   di   origine   dei   Fontana.   Si   tratta   di   una   piccola   sorgente,   una   polla   d’acqua   ai   piedi   di un   avvallamento,   recintata,   si   suppone   per   ragioni   di   sicurezza,   con   una   rete   metallica.      Essa si    trova    proprio    tra    la    attuale    via    Pecol    (la    napoleonica    Strada    dei    Ponti)    ed    il    borgo denominato ancor oggi Pecol. Il   proprietario   attuale   acquistò   quel   fondo   nel   1950.   Nel   1952   emigrò   in   Germania   fino   ai giorni   nostri.   Egli   ricorda   che   ancora   nel   periodo   1950-52   la   gente   dei   dintorni   si   riforniva d’acqua per sé e per gli animali proprio a quella fonte (comunicazione personale, 2.2.2004). I Fontana, gente “buona” Abbiamo   iniziato   questa   rapida   carrellata   sull’albero   genealogico   dei   Fontana   nel   1647   con Paulin,    che,    a    quanto    pare,    aveva    la    fama    di    uomo    pio.    Ci    piace        concluderla,    a    fine Ottocento,   con   Maria   Cuc,   nata   nel   1811,   figlia   di   Giobatta   e   Antonia   Galiazzi   e   quindi sorella, di 13 anni più vecchia, del “nostro” mastro Davide. Anche   Maria   era   una   donna   pia.   Muore,   annota   il   parroco,   il   21   luglio   1895   “assistita   fino   ad exitum   da   Padre   Costantino   da   Motta”.   E   aggiunge:   “Fu   molto   benemerita   per   la   nostra chiesa”. Archivi parrocchiali di Corbanese, Pieve di Soligo, Solighetto. Archivi di Stato di Treviso e Venezia. Catasto napoleonico e austriaco. Sommarioni. Enrico Dall’Anese 8 maggio 2004 nel 180° anniversario della nascita di Davide Fontana.
Ricerca del Prof. Enrico Dall’Anese
Clicca sull’immagine per ingrandirla
Clicca sulle immagini per ingrandirle
Clicca sull’immagine per ingrandirla
Clicca sull’immagine per ingrandirla
Fonti della ricerca:
Alle radici dei Fontana
L’albero genealogico, Alle radici dei Fontana, arriva fino alla nascita dei fratelli Cirilla Maria, Attilio ed Emilio Antonio Fontana. Scarica l’immagine ad albero
Stemma dei Fontana
Clicca sull’immagine   per ingrandirla
SiteMap