Poesia Sergio De Stefani
SiteMap
ATTILIO ED EMILIO                    
                 Poesia tratta dal libro di Sergio De Stefani          "PAR NO' DESMENTEGAR" (Per non dimenticare)                        Edito da Eurooffset di Martellago (Ve)
  Tilio e Milio Band… No, Tilio e Milio Fontana, vui dir! Do fradèi anca lori, do nomi compagni, che a le olte i mi jutéa a ricordar la storia de quei do par-sora, che i era ‘ndati in  bassitàlia par svejar la popolathion a far ‘na rivoluthion e invethe i te li à copadi...     Ma quei che dighe mi, Tilio e Milio Fontana, i era do mestri de laòro e de scola seral de disegno, a la Pieve, onde che i ghe à insegnà a tanti co’‘na pasientha da santi.     Brào scultor, intajador, intarsiador, Tilio. Da ‘n toch de legno sech e san Te cavéa fora cristi, santi, madone, e anca taolìn, cornìse, lèt, comò… e co’ la créda statue el féa e testine che quasi parléa e stanp col gèss, po’ fondéste o fate in piera.     E Milio, pitor, decorador, restaurador. L’à piturà e rinfrescà capitèi e cése, case, vile, palath, stème de siori, trucà e parecià noaltri atòri. Tanti ritrati l’à fat e quadri De contrade, stradale, alberi, fior, pieni de gusto, de grathia, de calor.     Che do òmi brani e dreti! Par poch i laorea, scuasi par gnent, par inventar calcossa de bel, contenti de far contenti i altri e lori pì contenti de tuti. Scometòne che do de cussì a Solighet no’ ghen vignarà pì gnanca se mili ani passarà?
TILIO E MILIO 
Attilio ed Emilio Band… no, Attilio ed Emilio Fontana, voglio dire! due fratelli, anche loro, due nomi eguali, che a volte mi aiutavano a  ricordare la storia dei due sunnominati, che erano andati in Italia meridionale per risvegliare la popolazione e fare una rivolta e invece furono uccisi… Ma quelli che io voglio dire, Attilio ed Emilio Fontana, erano due maestri di lavoro e di scuola serale di disegno, a Pieve dove hanno insegnato a molti con una pazienza da santi.   Bravo scultore, intagliatore, intarsiatore, Attilio. Da un pezzo di legno secco e sano Tirava fuori cristi, santi e madonne, e anche tavolini, cornici, letti, armadi… e con la creta faceva statue e testine che parlavano quasi e stampi con il gesso, poi fuse o lavorate in pietra.   Ed Emilio, pittore, decoratore, restauratore. Ha dipinto e restaurato capitelli e chiese, case, ville, palazzi, stemmi di nobili, truccato e preparato noi, attori. Tanti ritratti ha fatto e quadri di contrade, stradine, alberi, fiori, pieni di buon gusto, di grazia, di calore.   Che due uomini bravi e retti! per poco lavoravano, quasi per nulla, per inventare qualcosa di bello, felici di far felici gli altri e loro più contenti di tutti. Scommettiamo che due così a Solighetto non verranno più nemmeno se mille anni passeranno?
Stemma dei Fontana
Clicca sull’immagine   per ingrandirla